Questo sito prevede l'utilizzo di cookie. Continuando a navigare si considera accettato il loro utilizzo. Ulteriori informazioni
OK

Giornata dell’Unità nazionale del 4 novembre, il consigliere comunale di Anagni cambia Anagni Nello Di Giulio scrive al sindaco di Anagni Daniele Natalia: "consenta l'apertura straordinaria del sacrario di Sant'Agostino"

25 ottobre 2019

Anche se per chi lavora non è un giorno di vacanza, il 4 novembre è un giorno di festa in Italia: si celebra la Giornata dell’unità nazionale e delle forze armate, una festa molto sentita fino a qualche decina di anni fa e che oggi è meno nota.

II 4 novembre è l’anniversario del cosiddetto armistizio di Villa Giusti del 1918, e in Italia si fa coincidere generalmente l’armistizio con la fine della Prima guerra mondiale. L’armistizio fu firmato a Padova il giorno prima, il 3 novembre 1918, da Italia e Impero austro-ungarico. L’Italia all’epoca era alleata con la Triplice Intesa formata da Francia, Russia e Regno Unito. Le trattative per l’armistizio erano cominciate qualche giorno prima, il 29 ottobre, durante la battaglia di Vittorio Veneto: l’ultimo scontro armato tra l’Italia e l’Impero austro-ungarico.

"Per non dimenticare quei sacrifici, per non perdere quei valori solennemente celebrati nella ricorrenza del Centenario", il consigliere comunale di Anagni Cambia Anagni ha scritto una lettera al sindaco di Anagni Daniele Natalia. La riportiamo di seguito, integralmente e senza modifiche:


Egregio sindaco della città di Anagni,
a giorni saremo al Quattro Novembre 2019: centouno anni dalla fine della Grande Guerra, centouno anni che non devono dimenticare la Storia!
Storia di speranza e di dolore testimoniata dai tanti giovani volti impressi nel nostro Sacrario Militare all'interno della chiesa di Sant'Agostino lungo il corso centrale della città.
 
Purtroppo anche in questa prossima  “giornata di ricordo”  il prezioso Sacrario rischia di rimanere chiuso per via dei lavori di restauro del relativo edificio che dovrebbero  terminare  - secondo il cartello affisso  in cantiere -   il prossimo 16 novembre, cioè a dire tra meno di  un mese.
Sindaco, dopo le grandi solennità del centenario 2018, quei volti di giovani anagnini devono poter parlare ancora ai ragazzi di oggi, devono poter ricordare alla città intera il dramma di ogni guerra.
In tal senso  sono a richiedere di convenire per tempo con la Prefettura e la Soprintendenza Archeologica - enti appaltanti dei lavori in corso-  la possibilità di avere un varco protetto per  il prossimo Quattro Novembre,  o per la successiva domenica del giorno 10, al fine di consentire ad autorità e cittadini di rendere visita al Sacro Luogo senza rischiare di smarrire subitamente quell’importante messaggio morale e civile solennemente celebrato esattamente un anno fa.
Certamente, Sindaco,  che la città intera ne sarebbe onorata e grata.
 
Nello Di Giulio
Consigliere “Anagni cambia Anagni”

la foto che qui pubblichiamo è stata scattata da Giacomo Cestra

 


TI POTREBBERO INTERESSARE

Il 24 maggio 1915 l’Italia dichiara guerra all’Austria ed entra così ufficialmente nella Prima guerra mondiale. Nel centenario di questo tragico evento, l’Amministrazione Comunale ricorda i propri concittadini caduti e, su indicazione della Presidenza del Consiglio dei Ministri, invita la popolazione ad osservare un minuto di silenzio e di raccoglimento alle ore 15:00 di domenica 24 maggio, e a partecipare alla cerimonia di commemorazione prevista presso il Monumento ai Caduti di Viale Umberto I. Il Comune di Paliano coglie l’occasione di questa ricorrenza per affermare la continuità che lega il sacrificio di allora ai valori di democrazia e libertà di cui godiamo oggi.
Il Secondo Istituto Comprensivo di Ferentino e l-inizio della Prima Guerra Mondiale del 1915/1918 con la manifestazione "Voci dalla Grande Guerra". L-incontro in via G. Marco e con l-inizio della manifestazione presso l'I.I.S. "Martino Filetico".
I giovani studenti dell'Istituto del Liceo artistico "G. Colacicchi" annesso all'Istituto di Istruzione Superiore "G. Marconi" di Anagni hanno colorato, questa mattina, alcuni dei sampietri posti davanti al monumento ai Caduti di piazza Cavour, in vista delle celebrazioni del centenario della fine della Grande Guerra che si terranno ad Anagni i primi giorni di novembre. L'obiettivo, fanno sapere dalla scuola, è di tenere vivo il ricordo di quell'orrore.
La città di Anagni si appresta a celebrare il 4 novembre, giorno dell’Unità Nazionale e giornata delle Forze armate. Una ricorrenza che quest’anno assume un ulteriore significato poiché si celebra anche il centenario della fine della prima guerra mondiale.
Ferentino. Il Comune celebra la ricorrenza del 4 novembre nel centenario della Vittoria