Questo sito prevede l'utilizzo di cookie. Continuando a navigare si considera accettato il loro utilizzo. Ulteriori informazioni
OK

Festività del primo novembre, impianti chiusi alla SAF di Colfelice: non verrà effettuato il ritiro dei rifiuti sul territorio di Anagni

28 ottobre 2019

La SAF, l'azienda che ricevere rifiuti prodotti dai Comuni, ha comunicato al Comune di Anagni che in occasione della Festività del primo novembre 2019 l'impianto di Colfelice per il conferimento dei rifiuti urbani differenziati e indifferenziati resterà chiuso. Il giorno 1 novembre 2019, pertanto, non verrà effettuato il ritiro dei rifiuti sul territorio di Anagni.


TI POTREBBERO INTERESSARE

La giunta Ottaviani ha approvato la proposizione del ricorso per secondi motivi aggiunti contro gli aumenti tariffari retroattivi decisi da Regione Lazio e Saf per l’utilizzo dell’impianto di Colfelice relativi all’anno 2015.
No ai rifiuti provenienti da altri territori; impegno a non proseguire e rinnovare i contratti di servizio in essere in scadenza al 31 dicembre; investimenti sull’impianto di Colfelice per renderlo funzionale rispetto al trattamento di raccolta differenziata nei comuni dell’Ato di Frosinone. In più, tali direttive andranno a derogare il Contratto di servizio di conferimento dei rifiuti solidi urbani sottoscritto dai comuni e il Presidente della SAF si impegnerà nell’arco dei prossimi sei mesi a sottoporre all’assemblea dei soci un nuovo contratto di servizio in deroga al precedente, anche per i comuni che già lo hanno sottoscritto. Questo il contenuto del documento approvato dall’Assemblea dei sindaci della Saf di Frosinone. A proporre il documento il sindaco di Castelliri Francesco Quadrini, condiviso e fatto proprio dal Presidente della Provincia Antonio Pompeo.
Civis ha richiesto la sospensione dei procedimenti di riesame dell’autorizzazione per l’impianto SAF spa di Colfelice e per i termovalorizzatori Lazio Ambiente spa di Colleferro
Slitta l'approvazione del bilancio della Società Ambiente Frosinone: questo è la situazione emersa nell'assemblea dei soci, tenutasi ieri – venerdì 29 giugno – presso la sede della Provincia di Frosinone, a fronte della prospettiva di un rincaro tariffario per il conferimento dei rifiuti nell'impianto Saf di Colfelice. Un aumento che coinvolgerebbe retroattivamente anche gli anni 2015, 2016 e 2017 e verso il quale si è sollevata la contrarietà di tanti sindaci, tra cui il primo cittadino di Paliano, il quale non ha mancato di sottolineare a chiare lettere la propria contrarietà all'eventuale provvedimento.
Di seguito pubblichiamo integralmente una nota inviata a questa redazione dal presidente di Società Ambiente Frosinone - SAF - Lucio Migliorelli: