Questo sito prevede l'utilizzo di cookie. Continuando a navigare si considera accettato il loro utilizzo. Ulteriori informazioni
OK

Frosinone, sabato 19 ottobre la Festa della Scuola e della Costituzione

19 ottobre 2019

 
  
Si terrà stamattina - sabato 19 ottobre - dalle 9.30, presso il Parco del Matusa, l’ottava edizione della Festa della Scuola e della Costituzione, istituita nel 2012 dall’amministrazione Ottaviani per promuovere la cultura dell’aggregazione tra gli studenti delle scuole elementari e medie del capoluogo che, ogni anno, in occasione dell’apertura dell’anno scolastico, sottolineano, con la lettura di uno o più articoli della Costituzione, il valore dell’Atto fondamentale della Repubblica italiana. Il tema che sarà affrontato sabato e che sarà anche oggetto delle rappresentazioni artistiche e musicali degli studenti sarà quello illustrato dagli articoli 32 e 33 del Dettato Costituzionale. "La Repubblica tutela la salute come fondamentale diritto dell'individuo e interesse della collettività, e garantisce cure gratuite agli indigenti. Nessuno può essere obbligato a un determinato trattamento sanitario se non per disposizione di legge. La legge non può in nessun caso violare i limiti imposti dal rispetto della persona umana”, recita l’articolo 32. “L'arte e la scienza sono libere e libero ne è l'insegnamento. La Repubblica detta le norme generali sull'istruzione ed istituisce scuole statali per tutti gli ordini e gradi", stabilisce invece l’articolo 33, qui estratto."La festa della Scuola e della Costituzione - ha dichiarato il sindaco di Frosinone, Nicola Ottaviani - rappresenta un momento di forte coesione sociale tra gli studenti e le famiglie delle scuole del capoluogo. La possibilità di sviluppare una riflessione, ogni anno, su uno o più articoli del Dettato costituzionale, inoltre, incoraggia ed aiuta gli studenti ad approfondire lo studio della Carta fondamentale, frutto di una sintesi tra le diverse impostazioni culturali e politiche del 1948, ancora attuali, e diritto vivente del Paese, patrimonio di una nazione e di un popolo intero".


TI POTREBBERO INTERESSARE

Frosinone. Festa della Repubblicca del 2 giugno, il sindaco Nicola Ottaviani: "onoriamo la Repubblica"
Presso il Salone di Rappresentanza del Martino Filetico si è svolto un importante seminario sulla Costituzione Italiana, a 70 anni dalla sua entrata in vigore il I gennaio 1948. La Costituzione è stata letta e commentata dagli studenti sotto la guida dei loro docenti e del DS prof. Terracciano che ha curato l’introduzione storica e descritto la struttura del testo più importante per la nostra Repubblica, alla presenza del Dirigente del Filetico prof.ssa Concetta Senese.
Piglio. Lo scrittore 15enne Samuele Celletti presenta il suo libro "Gli articoli della Costituzione Italiana, principi fondamentali semplificati"; l'appuntamento, per tutti, è per venerdì 16 marzo nella biblioteca scolastica
Una giornata di riflessione, ma anche di aggregazione e crescita, arricchita dai canti e dalle esibizioni degli studenti dei quattro comprensivi: questi gli elementi che hanno contraddistinto la sesta edizione della Festa della Scuola e della Costituzione, istituita cinque anni fa dal sindaco, Nicola Ottaviani, tenutasi nella mattinata di sabato al Campo Zauli di Frosinone. Ogni anno, la Festa di ingresso alla scuola viene dedicata alla lettura ed alla rappresentazione artistica e musicale di uno degli articoli fondamentali della Costituzione.
Nei giorni scorsi si è tenuto il secondo incontro del comitato “Ferentino per il NO” Referendum Modifiche Costituzionali. All'incontro hanno preso parte numerosi cittadini di diverso orientamento politico, proprio a sottolineare il fatto che la Costituzione Italiana è uguale per tutti senza distinzioni di colori o bandiere. Il comitato aderirà alle giornate del “Firma Day” previste per il prossimo weekend dell’11 e 12 Giugno una mobilitazione straordinaria per raccogliere le firme per i tre referendum, due abrogativi sull'Italicum e quello sulla Costituzione per potere esprimere un netto No, ciò per informare e spiegare ai cittadini le ragioni del NO nel referendum costituzionale.