Questo sito prevede l'utilizzo di cookie. Continuando a navigare si considera accettato il loro utilizzo. Ulteriori informazioni
OK

Malmenato ed umiliato solo per provare "un'emozione" diversa: è caccia ai tre anagnini che hanno riempito di botte un 55enne non in grado di difendersi da solo. L'uomo è stato medicato in ospedale con tre punti di sutura al capo

30 ottobre 2019

Avrebbero picchiato e malmenato un uomo lasciandolo a terra sanguinante e provocandogli una profonda lesione al capo tale da richiedere la medicazione con tre punti di sutura; poi sarebbero scappati senza lasciare traccia. Non è ancora del tutto chiara la dinamica di quanto accaduto nei giorni scorsi nel pieno centro storico della città; stando al racconto sommario e poco chiaro dell'uomo, in tre l'avrebbero aggredito per futili motivi o per passare un po' di tempo, forse con la scusa di una sigaretta negata. Pur non essendo stata presentata, al momento, alcuna formale denuncia relativa all'episodio, i Carabinieri della Compagnia di Anagni stanno tentando di fare luce su quanto accaduto, per dare - in caso - un nome e un volto agli assalitori. L'uomo, poco più che 50enne, è conosciuto da tutti in città per il suo carattere gioviale ed allegro; "non riesco a credere che gli abbiano fatto del male", scrive un'amica su Facebook. E non ha tutti i torti, visto che l'uomo è davvero una brava persona che non sarebbe capace di far del male neanche ad una mosca.


TI POTREBBERO INTERESSARE

Due terribili casi di cronaca nera in un sol giorno, uno a Fiuggi, l'altro a Piglio.
anagnia.com ha intervistato il cap. Giovanni Camillo Meo, comandante della Compagnia dei Carabinieri della città dei Papi da cui dipendono le stazioni di Anagni, Morolo, Ferentino, Sgurgola, Piglio, Acuto e Paliano.
I giovanissimi studenti dell'Istituto Comprensivo Anagni Primo incontrano i Carabinieri della Compagnia di Anagni; ad accoglierli, il cap. Giovanni Camillo Meo e il mar. magg. Massimo Crescenzi
Un immobile situato sulla via Anticolana, ufficialmente sede di un centro massaggi ma nel quale, a quanto pare, si erogavano prestazioni di ben altro tipo. Per questo motivo, questa mattina, mercoledì 17 giugno, i carabinieri della compagnia di Anagni coordinati dal capitano Camillo Meo hanno posto i sigilli al locale. L’operazione è stata compiuta in collaborazione con altre compagnie di carabinieri nella provincia di Frosinone e nella zona del casertano.
Compagnia Carabinieri di Anagni. Il saluto di commiato del Maggiore Camillo Giovanni Meo