Questo sito prevede l'utilizzo di cookie. Continuando a navigare si considera accettato il loro utilizzo. Ulteriori informazioni
OK

Terremoto in Abruzzo: la scossa avvertita fino a Roma e Napoli. Pochi danni - qualche intonaco caduto a Sora - tanta paura e centinaia di chiamate ai numeri d’emergenza. Scuole chiuse in mezza provincia

7 novembre 2019

AGGIORNAMENTO DELLE ORE 00.19: nuova forte scossa magnitudo 3.5 nella notte tra giovedì e venerdì

Una scossa di terremoto è stata registrata dai sismografi dell'Ingv alle 18.35. La scossa è stata avvertita distintamente a Roma e in molte zone dell'Italia centrale fino a Napoli. E la gente è scesa in strada in alcuni centri della Marsica.
La scossa ha avuto una magnitudo di 4.4. Il dato è stato aggiornato dall'Ingv che ha individuato l'epicentro a 5 km a sud est di Balsorano, in provincia de L'Aquila, ad una profondità di 14 chilometri.


Terremoto. Domani - venerdì 8 novembre - scuole chiuse a Frosinone, Supino, Patrica, Ferentino, Anagni, Fiuggi, Arpino, Piglio, Isola Liri, Castelliri, Veroli, Boville, Roccasecca, Coreno, San Giorgio a Liri, San Vittore, Cervaro, Colfelice, Sgurgola, Cassino, Casalvieri, Pista Fibreno, Colle San Magno, Morolo, Acuto, Montelanico Settefrati, Monte San Giovanni Campano, Villa Santa Lucia, Pescosolido, Serrone, Pontecorvo, Paliano.

Continuano i sopralluoghi dei tecnici comunali, della Protezione Civile - Radiosoccorso Anagni e dell'Associazione Nazionale Carabinieri negli istituti scolastici della città per appurare la presenza di eventuali danni seguiti alla scossa di terremoto odierna. Il sindaco Daniele Natalia, in contatto telefonico con il consigliere Ambrosetti e le autorità preposte ha comunque deciso di emettere ordinanza di chiusura delle scuole di ogni ordine e grado per la giornata di domani 08/11/2019 a scopo precauzionale.
Il consigliere Ambrosetti spiega: "Continuano i sopralluoghi ma, poiché non possiamo prevedere il ripetersi nella notte di eventuali fenomeni sismici, assieme al sindaco abbiamo deciso di emettere ordinanza di chiusura onde evitare problemi alla cittadinanza per domani mattina, quando, dal punto di vista organizzativo e logistico, con gli alunni già a scuola, sarebbe più difficile procedere all'emissione di una ordinanza. Specifico comunque che non sono stati riscontrati danni strutturali agli edifici". A breve verrà diffusa l'ordinanza di chiusura delle scuole sui canali istituzionali ed a mezzo stampa.

-----------

A Frosinone il sindaco, Nicola Ottaviani, ha disposto la chiusura, in via cautelativa, di tutti gli istituti scolastici di ogni ordine e grado, per la giornata di venerdì 8 novembre 2019, allo scopo di effettuare controlli e ispezioni, a seguito dell'evento tellurico verificatosi nel tardo pomeriggio odierno. La chiusura si è resa opportuna, anche a seguito della previsione meteorologica che indica forti precipitazioni atmosferiche nella mattinata di venerdì, tali da generare concomitanti criticità anche alla circolazione stradale.


Anche a Cassino, con un'apposita ordinanza, il sindaco Enzo Salera ha disposto la chiusura per la giornata di domani, 8 novembre, di tutte le scuole di ogni ordine e grado. Scuole chiuse anche a Paliano, Boville Ernica, Fiuggi, Ferentino e Ceccano.

Secondo il sismologo Alessandro Amato, dell’Ingv (istituto nazionale di geofisica e vulcanologia) la faglia che oggi è all’origine delle scosse è diversa da quella che ha provocato i più recenti disastrosi fenomeni dell’Italia centrale. «Si tratta comunque - ha proseguito - di un’area ad alta pericolosità sismica». In questa stessa area è infatti avvenuto il terremoto di Avezzano del 1915 .

 

TI POTREBBERO INTERESSARE

Una nuova scossa è stata avvverita nelle zone dell'Italia centrale già colpite dal sisma del 24 agosto. Un terremoto di magnitudo 4.1 è stato registrato verso le 11.32.35 tra Norcia, Accumoli e Arquata del Tronto. Il sisma è stato avvvertito anche in Abruzzo, nello specifico a Teramo e in alcune zone dell'Aquila, e in alcuni Comuni del sud della provincia di Frosinone
Provincia di Frosinone epicentro di una scossa di terremoto poche ore fa.
Una forte scossa di terremoto è stata avvertita in molte regioni centro-meridionali, compresa la provincia di Frosinone. La scossa alle 23.48 è stata percepita chiaramente in tutta la Ciociaria. La scossa di magnitudo 4.7 è stata registrata nel territorio con epicentro a 6 km a sud di Montecilfone e una profondità di 19,3 km.
Una forte scossa di terremoto con epicentro dalle parti di Fiuggi è stata nitidamente avvertita in tutta la Ciociaria; il sisma si è verificato alle ore 10:13:28 ed ha avuto una ML di 2.5 a nove chilometri di profondità.
Due scosse di terremoto a Roma più un piccolo sisma nell'hinterland della Capitale: mercoledì 2 marzo è stata una giornata di terrore nel Lazio, con scosse di magnitudo 2.5, 2.2 e 2.0 ed epicentri a una profondità di circa 10 chilometri. Fortunatamente i terremonti non hanno provocato nessun danno ma sono stati avvertiti distintamente anche nella zona a sud di Roma, vale a dire nei comuni di Carpineto Romano, Colleferro, Valmontone, Palestrina. Il timore, ora, è che lo sciame prosegua con peggiore intensità. Il Lazio infatti è una regione a rischio sismico. In particolare alucune aree, come quelle in prossimità dell'arco appenninico e quelle più vicine all'Abruzzo.