Questo sito prevede l'utilizzo di cookie. Continuando a navigare si considera accettato il loro utilizzo. Ulteriori informazioni
OK

Filettino. Querelle sindaco/opposizione consiliare: i tre consiglieri di minoranza Alessia Pomponi, Salvatore Nardecchia e Paolo De Meis controbattono al primo cittadino Gianni Taurisano

20 settembre 2019

Non si è fatta attendere la replica della minoranza consiliare filettinese alla lunga nota pubblicata ieri - giovedì 19 settembre - sulle pagine del nostro giornale. Alessia Pomponi, Salvatore Nardecchia (in alto, nella foto piccola a sinistra) e l'ex primo cittadino Paolo De Meis (in alto, nella foto piccola a destra), battaglieri rappresentanti della minoranza, titolano "Il discorso è irritante e il narratore oramai non è più credibile" la nota che hanno inviato alla nostra redazione e che di seguito pubblichiamo integralmente e senza modifiche:

Noi parliamo delle cose e non delle persone perché a noi piace fare politica e non abbiamo nessun interesse per le questioni personali. Per questo motivo ci interessiamo solo dei problemi del paese e delle relative soluzioni.
Prendiamo atto che la nostra replica ha scatenato non poco nervosismo da parte del signor  Taurisano. Quanto livore! Quanta incontinenza!
In realtà ci vengono  chieste compiacenza e accondiscendenza, non collaborazione. Fin dal primo giorno oltre a scrivere alla Corte dei Conti ed alla Procura della Repubblica,  ha iniziato immediatamente con la storia dei debiti (nonostante l’approvazione dei bilanci), con le minacce di ulteriori denunce, con lettere diffamatorie rivolte ai consiglieri di minoranza. Tutti devono prendere atto, per sua stessa ammissione, che ha denunciato e noi siamo pronti al giudizio degli organi competenti. Il signor Taurisano è pronto?  Chi sbaglia paga.  Però è chiaro che non si può chiedere disponibilità e collaborazione dopo essersi rivolti alle autorità competenti per presunte illegittimità o illegalità. Ognuno si assuma le proprie responsabilità, noi le nostre e lui le sue.   L’etica che ci contraddistingue ci porta ad occuparci delle problematiche del nostro paese nei modi consentiti. Non siamo abituati all’aut aut, “o con me o contro di me”. Invece oggi assistiamo proprio a richieste di questo tipo. Oramai lo conosciamo il modo di fare;  noi facciamo il nostro lavoro, rappresentiamo posizioni diverse dalle sue e il signor Taurisano ci accusa di essere causa di divisioni socio-personali. Una difesa estrema, l'ultimo atto di chi non ha argomentazioni, il colpo di coda.  Cosa ci vediamo in questa reazione così scomposta: personalizzazione della cosa pubblica e la necessità di mettersi in evidenza per mantenere la  leadership  che invece è evidentemente compromessa.   E si evince bene dalle sue affermazioni quando parla di invidie, sotterfugi, inganni ed espedienti. Fa allusioni, butta il sasso e nasconde la mano, per dirla a suo modo...purtroppo non nasconde solo la mano… vedi area artigianale. Tanto ormai lo sa tutto il paese.

Per il resto fa rumor, fa gossip ma non fa politica! Un vero e proprio delirio di onnipotenza. Non dimentichi il signor Taurisano che l'autoreferenzialità è tutta sua quando non accetta una critica e se la critica è mossa dai più, come nel caso del taglio degli alberi della pineta, allora siamo davvero alla frutta.  A dire il vero siamo in possesso delle foto che dimostrano che la maggior parte degli alberi erano sani e siamo disposti a fornirle all’autorità competente se necessario. Questione che ha sollevato polemiche da tutte le parti e che invece si minimizza, come se nulla fosse.
Giustamente afferma che il progetto di rinnovamento della “pineta” è iniziato da Catena. Ma qualcuno ha mai detto il contrario? Noi, come già detto, abbiamo realizzato il  secondo lotto (che ha consentito di concludere l’intervento così come oggi lo vediamo grazie ad un finanziamento di 285.000 euro). Non abbiamo mai avuto bisogno di sminuire il lavoro di chi ci ha preceduti. Ma esigiamo che non venga sminuito il nostro. E continuiamo a dire che il parco comunale potrebbe essere intitolato ad una personalità positiva, oggi che lo vediamo nella sua veste rinnovata.
Il signor Taurisano dice che il nostro è solo un tentativo di  farlo soccombere, in realtà lo fa benissimo da solo. Continuando a raccontare fandonie. Continuando a partire da presupposti errati e del tutto soggettivi. A noi interessa non far soccombere Filettino.
Alcuni passaggi del comunicato sono davvero oscuri, incomprensibili, preoccupanti dettati da evidente cattiva fede e tensione emotiva. Preoccupanti per i cittadini che vorrebbero  si parlasse di progetti, idee, turismo, Campo Staffi, ostelli, economia, scuola, ambiente non di branchi di lupi. Il signor Taurisano continua a voler parlare di  sé stesso  parlando malamente di noi.

Noi siamo sempre stati all’oscuro delle problematiche dell’area artigianale. Chi amministra guarda avanti e valuta i problemi antecedenti solo se nel corso dell’amministrazione ne viene al corrente. Si viene eletti per amministrare e non per fare gli investigatori. Non abbiamo mai dovuto affrontare i problemi dell’area artigianale e ne siamo venuti a conoscenza solo dopo l’esposto del signor Taurisano.
Sulle questioni citate parlano gli atti. Una pubblica amministrazione si muove così, diventa pleonastico ribadirlo ogni volta. Ma se proprio dobbiamo…
Il paese, nel mese di agosto, per quanto riguarda la raccolta dei rifiuti, è stato un disastro. Nella procedura di gara da noi gestita, è stato fatto un progetto preciso, compatibile con i costi che il Comune poteva sostenere.  C’è un capitolato speciale d’appalto, sono state valutate le risorse umane da impiegare nella normalità (comunque con un aumento di ore lavorative rispetto alla situazione pregressa) e contestualmente sono stati valutati i” rinforzi” per i periodi di maggiore affluenza turistica. Il mutuo  di 120.000 euro è stato contratto  per garantire la sicurezza delle strade e per la videosorveglianza. Le risorse economiche residue sono ancora nel bilancio del Comune ma inutilizzate.
Sul lavoro dei volontari questa la nostra posizione formale, facilmente reperibile: “l’attività volontaria pur essendo un diritto- dovere costituzionale dovrebbe essere comunque istituzionalizzata per non esporre l’ente a nessun tipo di rivendicazione (…) l’istituzione di un albo di volontari essendo un atto pubblico garantirebbe  che anche in futuro le amministrazioni possano contare sul supporto e l’aiuto del gruppo dei volontari che certamente sono un valore aggiunto per la vita di comunità”.
Per quanto riguarda il personale in servizio ci sono evidenti incongruenze tra quel che si dice e quel che si fa. Amministrare non significa stare contro qualcuno, significa utilizzare le risorse umane a vantaggio della collettività non si puniscono le persone per le loro idee o per i rapporti familiari.
Sulla scuola si evince la totale mancanza di cognizione. Il Comune ha ricevuto un finanziamento per la messa in sicurezza della scuola elementare dove eravamo già intervenuti. Il finanziamento è stato trasformato in un progetto per la costruzione di una scuola antisismica in un territorio ad alto rischio. Uno dei terreni di proprietà comunale disponibili era ubicato lungo la  strada Panoramica. Dire oggi che si trovasse in una  fascia di rispetto cimiteriale è strumentale. Il terreno non si trovava nella zona di rispetto cimiteriale. Restiamo basiti. Avremmo  fatto fare sopralluoghi in zone perimetrate  dove c’è un vincolo di inedificabilità assoluta? Ragionamento strumentale e speculativo. Seguendo il ragionamento del signor Taurisano, vicino al cimitero non dovevano esserci neanche abitazioni….   Quindi la toppa che appone è peggio del buco.
Sul consorzio di  Campo Staffi ancora stiamo aspettando (sono passati mesi dalla nostra richiesta),  i verbali della seduta del consiglio comunale dedicato, da noi richiesto. In quei verbali c’è tutta la storia. Ma la mancanza di trasparenza di questa amministrazione impedisce renderli pubblici. Dovrebbero vergognarsi di non aver capito nulla della problematica e solo grazie al nostro lavoro, si è evitato un ingente danno economico ai Filettinesi, con un sicuro dissesto conseguente alle dissolute e inadeguate scelte, operate in assoluto delirio di onnipotenza dal signor Taurisano, tenendo all’oscuro di tali scelte tutta la comunità.
Sulle calunnie personali, a noi costantemente rivolte e ribadite nel comunicato di Taurisano, anche attraverso squallide  insinuazioni (bisogno di carriera o occupazione “statica”) non possiamo far altro che restare basiti per tanta bassezza. Nessuno di noi ha bisogno di nulla, ciò che facciamo è a solo vantaggio della comunità di Filettino. Tali affermazioni diffamatorie lasciano spazio al desiderio e alla necessità di veder tutelata la propria onorabilità  presso le autorità competenti.
Ripetiamo che la politica parla delle cose e non delle persone. Non ci saremmo mai sognati di attribuirci, come è stato fatto dal signor Taurisano, meriti che non abbiamo, come il posizionamento dell’asfalto lungo la provinciale 28, da Fiumata a Filettino, eseguito dall’Enel. E’ patetico il tentativo di attribuirsi meriti che non ci sono. E’ patetica la necessità di mettersi in evidenza senza avere merito.  Non ci si può sentire aggrediti ogni volta che parliamo di politica. Rispettiamo le persone per   quello che sono, ma le giudichiamo per quello che fanno.
Noi continuiamo a parlare di politica. E continueremo a farla.
Stia sereno.

 

TI POTREBBERO INTERESSARE

Visita istituzionale nella giornata di domenica, del Presidente della Regione Lazio Nicola Zingaretti, che è stato accolto dal Sindaco di Filettino Paolo De Meis, presso gli impianti sciistici di Campo Staffi. Presenti anche il Vice Sindaco Alessia Pomponi, l’Assessore Salvatore Nardecchia ed il Direttore del Parco dei Monti Simbruini Carlo Di Cosmo. L’occasione è stata quella di visitare l’intera struttura, riammodernata grazie agli investimenti ed al lavoro portato avanti dal Comune di Filettino che per la prima volta quest’anno ha preso la gestione degli impianti.
Filettino. Il neo-eletto primo cittadino Gianni Taurisano già al lavoro per dare nuova linfa al paese; "siamo pronti", dice. Ma le casse comunali piangono: "saldo negativo di 323.000 euro"
Elezioni amministrative. Antonio Pompeo stravince a Ferentino: eletto al primo turno; a Serrone Giancarlo Proietto si afferma sul sindaco uscente Natale Nucheli. Gianni Taurisano batte Paolo De Meis a Filettino
Un incontro importante quello svoltosi lunedì pomeriggio presso l’Amministrazione Provinciale di Frosinone, richiesto dal Sindaco di Filettino Paolo De Meis, che ha incontrato il Presidente della Provincia Antonio Pompeo al fine di affrontare e risolvere due problematiche importanti per il territorio: il ripristino della viabilità nel tratto della provinciale SP28 che collega Trevi Nel Lazio a Filettino; e la situazione legata al Consorzio “Campo Staffi” in corso di liquidazione.
Il presidente della commissione UE Affari Costituzionali Antonio Tajani in visita a Filettino accolto dal sindaco Gianni Taurisano: "lavoriamo per far crescere il turismo in questo meraviglioso paese"