Questo sito prevede l'utilizzo di cookie. Continuando a navigare si considera accettato il loro utilizzo. Ulteriori informazioni
OK

Regionali in Umbria. Domenico Alfieri, sindaco di Paliano e segretario provinciale Dem, ci va giù duro: "i matrimoni si fanno in due; a me non è mai piaciuto sentirmi di troppo e indesiderato..."

29 ottobre 2019

"Premetto che sono juventino ed i colori giallorossi non mi sono mai piaciuti... Ma questo poco conta. Quello che conta è che i matrimoni si fanno in due. E questo matrimonio a me sembra che qualcuno dei due non lo voglia davvero. A me non è mai piaciuto sentirmi di troppo e indesiderato... A voi?".
Sono queste le parole di Domenico Alfieri, impresse sul suo profilo Facebook, nella mattinata di oggi, 29 ottobre. Con questa dichiarazione il Segretario Provinciale ciociaro dei Dem, nonché Sindaco di Paliano, espone la sua posizione sul Governo giallo-rosso. Un breve ma incisivo punto della situazione che rispecchia anche  la corrente di maggioranza nel circuito da lui presieduto.
C'è grande malumore tra le file del PD provinciale, dopo la disfatta nelle elezioni regionali di "Umbria2019" che hanno decretato il fallimento totale dell'alleanza tra il partito di Zingaretti e i 5Stelle. Non è stato digerito, tantomeno perdonato lo scatto fotografico di Narni, da qui l'accostamento calcistico di Alfieri, che immortalando sorrisi, (forzati?) e strette di mano, anziché fortificare il patto tra le due correnti governative, ha invece evidenziato due aspetti per nulla positivi: l'inquietante non-presenza di quote rosa tra i soggetti impressi e l'immediata caduta in picchiata del consenso popolare. Un tonfo sordo per i grillini che perdono il 7% ed un equilibrio, anche se fortemente instabile, per i democratici che si mantengono aggrappati con le unghie al loro 20%, o giù di lì. Una regione storicamente rossa, apre le braccia a Salvini, con la vittoria su misura di Donatella Tesei. Anche Matteo Renzi, ha scelto di tenere il suo neo-partito, Italia Viva, fuori da giochi e alleanze nella tornata elettorale umbra. Una scelta molto vicina e condivisa da tanti ex compagni di partito nelle sezioni provinciali.


TI POTREBBERO INTERESSARE

Il sindaco di Paliano Domenico Alfieri è ufficialmente candidato alla Segreteria Provinciale del Partito Democratico di Frosinone. "L'auspicio - spiega Alfieri - è quello di un Congresso rispettoso, luogo di confronto sui contenuti e proposte politiche per la risoluzione delle numerose problematiche nella nostra Provincia. Ringrazio tutti gli Amministratori, gli Iscritti ed i simpatizzanti che in questi mesi mi hanno dimostrato la loro vicinanza ed il loro affetto. In bocca al lupo allo sfidante Simone Costanzo".
Paliano e i palianesi celebrano il 25 aprile, nella ricorrenza della Liberazione dal governo fascista della Repubblica Sociale Italiana e dall'occupazione nazista. Per l'occasione, l’amministrazione comunale capitanata dal sindaco Domenico Alfieri si è resa promotrice dell’incontro che si è tenuto a partire dalle ore 10 nella Sala Conferenze del Credito Cooperativo C.R.A. di Paliano, in Piazza Marcantonio Colonna.
Da domani il Comune di Paliano confermerà il servizio navetta verso Anagni istituito per i suoi studenti gia l'anno scorso. 7.30 la corsa verso Anagni e alle ore 14.00 il ritorno. Inoltre da domani in forma sperimentale per un mese il servizio navetta dal liceo di Olevano a Paliano alle ore 12.40 Tutto ciò per ammortizzare i disagi degli studenti. "Sicuri di aver fatto un buon lavoro per la collettività - scrive il sindaco Domenico Alfieri sul suo profilo Facebook - ringrazio l Assessore ai trasporti Simone Marucci per il suo impegno".
Danneggiamenti e vandalismo nel centro storico di Paliano, i Carabinieri sulle tracce di cinque giovani; il sindaco Domenico Alfieri: "questi animali vanno puniti!". E pubblica le foto dello scempio su Facebook
Una cerimonia toccante, alla quale hanno preso parte tanti cittadini e diverse autorità del mondo politico locale, tra questi il sindaco di Piglio Mario Felli e quello di Paliano Domenico Alfieri. Il sacrario dei diciassette martiri che si trova in località Le Mole di Paliano è entrato a far parte delle proprietà comunali dopo la donazione, avvenuta a gennaio scorso, da parte degli eredi.