Questo sito prevede l'utilizzo di cookie. Continuando a navigare si considera accettato il loro utilizzo. Ulteriori informazioni
OK

Caso "Urban-waste", la minoranza consiliare (ad esclusione del dott. Antonio Necci) chiede spiegazioni al sindaco di Anagni avv. Daniele Natalia

3 novembre 2019

Pubblichiamo di seguito integralmente la nota inviata a questa redazione dal gruppo della minoranza consiliare (ad esclusione del dott. Antonio Necci):

Abbiamo appreso dalla stampa, che a conclusione delle indagini, al sindaco Natalia è contestato il reato di corruzione nell'affare ormai noto Urban Waste.
Oltre a lui, accusato per abuso di ufficio e falso sull'affidamento anche Tonino Ranelli.

Riteniamo doveroso che il sindaco ora spieghi in Consiglio Comunale quello che sta accadendo e cosa intende fare sia riguardo il suo ruolo istituzionale sia riguardo ciò che è accaduto all'interno dell'ufficio tecnico, giacchè è gravissimo pensare che possano essere pilotati gli appalti.

Al di là delle tante chiacchiere, soprattutto su Facebook, volte a promuovere un'amministrazione immobile nelle sue incapacità, rileviamo che questa maggioranza abbia un serio problema di morale politica e di rispetto per le istituzioni.

Il Sindaco di Forza Italia ufficialmente indagato per corruzione non è nuovo ai problemi con la giustizia, il suo ex assessore ai lavori pubblici sta subendo un processo per tentata minaccia, un consigliere di maggioranza è oggetto di avviso di garanzia e un altro, si legge sulla stampa, è partecipe di un concorso per vigile urbano finito sotto indagine della Procura di Cassino non solo per una sfacciata parentopoli.

Ci chiediamo come possano queste persone operare per il bene comune e per lo sviluppo della città Anagni se poi accade tutto questo.
Una maggioranza che non si fa scrupoli ad assumere al comune persone che si erano candidate con la coalazione di Natalia, alcuni delle quali svolgono funzioni totalmente inutili per la cittadinanza.

Ci dispiace per la persona, che riteniamo debba difendersi dalle accuse in maniera giusta e nelle sedi deputate, ma di certo un sindaco nuovamente indagato non è una bella immagine per Anagni e per le istituzioni.

Ci dica quindi cosa vuol fare anche se, per il rispetto della città,  la scelta più giusta sarebbe quella di fare un doveroso passo indietro.


TI POTREBBERO INTERESSARE

Definite nei giorni scorsi le sette commissioni consiliari permanenti del consiglio comunale di Anagni, formate da otto membri tra esponenti di maggioranza e opposizione. Ecco la composizione.
Operazione "Urban Waste", indagato anche il sindaco Daniele Natalia; l'opposizione consigliare: "convochi immediatamente una conferenza stampa per riferire alla cittadinanza cosa sta accadendo"
È scontro tra la maggioranza e la minoranza al comune di Anagni. Con il centro destra, all’opposizione nel palazzo, che accusa il centro sinistra di “epurare” i funzionari che non sarebbero “inquadrati” politicamente.
Sulla questione del progetto di valorizzazione della zona adiacente al Parco della Rimembranza che tanto sta facendo discutere in questi giorni ad Anagni (soprattutto per l’idea di creare nella zona un parcheggio da 120 posti auto), è intervenuta anche Sandra Tagliaboschi. Tirata in ballo dal consigliere Daniele Natalia, che in una sua precedente dichiarazione aveva replicato alla Tagliaboschi a proposito di un supposto mancato coinvolgimento della minoranza sul progetto.
Sulle polemiche anagnine relative alle presunte voci di rimpasto in città, oltre alla smentita da parte del gruppo Progetto Anagni, è arrivato anche il parere di Daniele Natalia consigliere di opposizione. Che ha posto l'accento su un dato probabilmente “laterale” ma non per questo meno importante. E cioè il fatto che la riunione che ha dato origine alle voci si è tenuta nella sede di Progetto Anagni.