Questo sito prevede l'utilizzo di cookie. Continuando a navigare si considera accettato il loro utilizzo. Ulteriori informazioni
OK

Italcementi aderisce all'iniziativa "Porte aperte" di FederBeton: lo stabilimento di Colleferro apre alle comunità locali, per la prima volta in contemporanea con altri quattro impianti di eccellenza in Italia

visite guidate e momenti di intrattenimento, per scoprire come nasce il cemento; appuntamento il 5 ottobre - 30 settembre 2019

Il nuovo Auditorium della Musica di Roma, la tratta dell’Alta Velocità ferroviaria Roma-Napoli, il porto turistico di Ostia, ma anche infrastrutture ed edifici pubblici, civili e religiosi fondamentali per la vita del territorio: l’insieme composito di queste costruzioni è stato realizzato grazie al contributo decisivo del cemento prodotto presso l’impianto Italcementi di Colleferro, che rappresenta uno dei siti produttivi più performanti in Italia.

 

Sabato 5 ottobre – in occasione dell’iniziativa Porte Aperte promossa da Federbeton, la Federazione rappresentativa della filiera italiana del cemento e del calcestruzzo – sarà possibile visitare lo stabilimento di Colleferro e scoprire come nasce un materiale unico come il cemento. Attraverso la voce delle persone che con passione vi lavorano, con un approccio di massima attenzione alla sostenibilità, alla sicurezza e alla qualità, i visitatori potranno ascoltare la storia di un luogo profondamente radicato al territorio.

 

Il programma: 5 ottobre, 10.00-14.00

La giornata del 5 ottobre sarà una giornata di festa e incontro con il territorio, le associazioni, le famiglie e i cittadini, per celebrare insieme il centenario dell’impianto di Colleferro e rappresentare l’adesione di Italcementi agli eventi Porte Aperte di Federbeton. Visite guidate con trenino alla cementeria, momenti di incontro con le associazioni locali tra cui il Rugby di Colleferro, iniziative di intrattenimento per le famiglie, lo stand storico che celebra i 100 anni dell’impianto, degustazioni e giochi animeranno un articolato palinsesto di attività nel corso di tutta la mattinata.

 

In contemporanea rispetto al sito di Colleferro, apriranno le proprie porte gli stabilimenti di Galatina (Colacem), Matera (Italcementi), Ternate (Holcim), mentre domenica 6 ottobre sarà l’impianto di Monselice (Buzzi Unicem) a concludere gli eventi Porte Aperte di Federbeton. Grazie alla convinta adesione delle imprese, la federazione realizza così una manifestazione pensata per raccontare la filiera nella sua dimensione più autentica: quella dell’apertura, della trasparenza, del radicamento locale, del desiderio di incontro e racconto delle eccellenze in fatto di tecnologia, innovazione e sostenibilità.

 

* * *

Federbeton è, in ambito Confindustria, la Federazione di settore delle Associazioni della filiera del cemento, del calcestruzzo, dei materiali di base, dei manufatti, componenti e strutture per le costruzioni, delle applicazioni e delle tecnologie ad essa connesse nell'ambito della filiera sopra indicata. I suoi principali obiettivi sono quelli di diffondere la cultura dello sviluppo sostenibile promuovendo comportamenti virtuosi all’interno della filiera dell’edilizia e sostenere la qualificazione dei processi produttivi, la sicurezza sui luoghi di lavoro e l’innovazione delle pratiche costruttive, contribuendo a ridurre il consumo di risorse naturali non rinnovabili, nel solco della sostenibilità ambientale e dell'efficienza energetica.



TI POTREBBERO INTERESSARE

Porte aperte alle famiglie alla ItalCementi di Colleferro; stand, divertimento, buon cibo, artisti di strada e un'area dedicata alla salute: l' appuntamento è per sabato 16 giugno
Italcementi: la cementeria di Colleferro apre le porte alla cittadinanza e festeggia i cento anni di attività
Colleferro. Migliaia di persone all'open-day organizzato dalla cementeria ItalCementi: "porte aperte alla comunità"
Cabina elettrica a fuoco all'interno dello stabilimento di Italcementi a Colleferro, sul posto VVFF, Carabinieri e tecnici dell'operatore che gestisce le linee di alta tensione; diverse zone della città senza elettricità
Una decisione determinata da una nuova programmazione delle attività industriali in Italia decisa dall’azienda; ad affermarlo è una nota di ItalCementi, in cui si legge: "Italcementi ha infatti individuato altre priorità industriali, decidendo di non dare corso – per il momento – alla richiesta a suo tempo presentata. In ogni caso, resta aperta la possibilità di ripresentare in futuro l’iter per l’utilizzo dei combustibili alternativi nell’impianto di Colleferro, che rappresenta uno dei principali dispositivi produttivi di Italcementi in Italia. L’utilizzo dei combustibili alternativi nelle cementerie, infatti, è una pratica consolidata, sicura e promossa dall’Europa, vista la trentennale esperienza positiva nei paesi del Nord del continente, conosciuti per la loro attenzione all’ambiente e alla salute. Italcementi crede in questa soluzione e la promuove, con l’obbiettivo di adeguare il tasso di sostituzione e la tipologia dei materiali ai livelli dei più avanzati paesi europei.