Questo sito prevede l'utilizzo di cookie. Continuando a navigare si considera accettato il loro utilizzo. Ulteriori informazioni
OK

Morì a 12 anni, a Colleferro, di ritorno da una gita scolastica. Malasanità senz’appello: confermate le condanne del Tribunale di Velletri per il caso di Ilaria Humber

27 ottobre 2019

Sono passati sette anni, ma ancora si combatte in aula per la verità. Parliamo del caso Ilaria Humber, la ragazza morta nel 2012 all’ospedale di Colleferro. Al rientro da una gita scolastica, la dodicenne fu ricoverata per quello che sembrava un banale mal di pancia. I dolori erano forti, ma nulla poteva far pensare ad un tragico epilogo. Per i medici il decesso per arresto cardiaco fu dovuto ad una malformazione congenita. Una versione a cui i familiari della giovane non hanno mai creduto, così come l’Associazione Codici, che si è schierata al loro fianco nella battaglia intrapresa per ottenere giustizia su quello che ha sempre giudicato come un caso di malasanità, con pratiche sbagliate e perfino falsificazione della cartella clinica.

Il primo verdetto è arrivato nel giugno 2018, con la sentenza del processo di primo grado, che ha coinvolto 11 indagati, tra medici e paramedici, denunciati per omicidio colposo e falso in atto pubblico. Nell’occasione il giudice del Tribunale di Velletri stabilì la condanna fino a 3 anni di quattro medici, tra i principali imputati. Ieri pomeriggio, invece, è arrivata la sentenza della Corte di Appello di Roma.

 

“Il giudice ha confermato le condanne emesse in primo grado nei confronti di due medici, Arabito e Ceccarelli – dichiara il Segretario Nazionale di Codici Ivano Giacomelli – con l’allora Asl Roma G riconosciuta corresponsabile civile. Questo certifica che la povera Ilaria è stata vittima di malasanità, come abbiamo sostenuto con forza fin dal primo momento. Il nostro pensiero va ai familiari, che da anni chiedono giustizia. Sono stati commessi degli errori medici, l’abbiamo sempre detto e oggi lo conferma nuovamente il giudice. Ci sono professionisti che hanno sbagliato – continua l’Avvocato Giacomelli – di fronte alla morte di una ragazza ed al dolore dei suoi cari c’è chi ha avuto perfino il coraggio di scaricare le responsabilità su una presunta malformazione congenita. Un comportamento inqualificabile. È stata fatta giustizia, ancora una volta – conclude il Segretario Nazionale di Codici – un piccolo conforto per l’enorme sofferenza provata dai familiari di Ilaria ed un segnale per chi lotta per la giustizia contro la malasanità”.

L’intervento dell’Associazione Codici rientra nella pluriennale attività per il diritto alla salute dei cittadini. Un’azione di assistenza nei casi di malasanità, che possono essere segnalati al numero 06.5571996 o all’email segreteria.sportello@codici.org.



TI POTREBBERO INTERESSARE

Ospedale di Colleferro: 300 mila euro per l’ammodernamento del Pronto Soccorso, circa due milioni di euro di apparecchiature sanitarie e otto operatori socio sanitari
Anagni. Sanità. E’ polemica sull’arrivo di un’ambulanza privata a supporto del servizio di presidio ambulatoriale territoriale: riapertura del Pronto Soccorso più lontana?
“A chi oggi ci accusa di aver tradito le promesse fatte in campagna elettorale, e si sgola per avere un pronto soccorso, rispondo che per avere un pronto soccorso ci vorrebbe un ospedale aperto. Che non c’è, perché a suo tempo è stato chiuso”. Non si è fatta attendere la replica di Fabio Roiati, assessore alla sanità del comune di Anagni, alle accuse piovute addosso alla giunta Bassetta dopo le polemiche per il trasferimento di un giovane anagnino a Frosinone ( con tanto di ore di attesa prima di un intervento), domenica scorsa, in seguito ad un incidente sul campo di calcio. Le polemiche hanno voluto soprattutto evidenziare che, forse, con un pronto soccorso funzionante, un trasferimento così lungo si sarebbe potuto evitare. Per non parlare dell’accusa, giunta da altri, secondo la quale la maggioranza di centro sinistra avrebbe “ venduto fumo” sulla sanità in campagna elettorale, salvo poi rimangiarsi tutto al governo.
Lo abbiamo denunciato per undici anni e per questo ci siamo sempre opposti alla chiusura dell-ospedaletto di Anagni era meglio chiuderlo. La sentenza del Tar del Lazio dello scorso anno bocciò il nostro ricorso scrivendo che un comitato di semplici cittadini non era titolato a presentarlo. Ben altra istituzione pubblica locale l-insuccesso del Comitato Salviamo l'Ospedale di Anagni. Quegli stessi che ora passano gran parte del loro tempo denunciando, su fb, i casi di malasanità sul nostro territorio e tuonando, scandalizzati, sulla mancanza del Pronto soccorso nel nostro ospedaletto polverizzato dai noti decreti.
Nella mattinata di ieri, il personale del Comando Provinciale dell'Arma dei Carabiniri di Frosinone, congiuntamente a quello del N.A.S. Carabinieri di Latina, ha effettuato un’attività di controllo e verifica presso il pronto soccorso dell’Ospedale “F. Spaziani” di Frosinone. Nel corso dei controlli sono state rilevate criticità relative a: