Questo sito prevede l'utilizzo di cookie. Continuando a navigare si considera accettato il loro utilizzo. Ulteriori informazioni
OK

Battesimo dell'odontoiatria 4.0 a Fiuggi: intelligenza artificiale, immagini e stampanti in 3D, staminali rigeneratrici. Come cambiano gli specialisti che curano e riabilitano il cavo orale

16 settembre 2019

BATTESIMO DELL’ODONTOIATRIA 4.0 A FIUGGI

Si è concluso a Fiuggi il Congresso del Cenacolo Odontostomatologico Centro Italia

Intelligenza artificiali, immagini e stampanti in 3D, staminali rigeneratrici. Come cambiano gli specialisti che curano e riabilitano il cavo orale.

 Anche la prevenzione dei danni da fumo trova nuove tecnologie alleate
 
L’Odontoiatria 4.0 ha ricevuto un autorevole battesimo questo weekend a Fiuggi dove si sono riuniti per il Cenacolo Odontostomatologico Centro Italia (C.O.C.I.) specialisti odontoiatri, odontostomatologi, chirurghi maxillo-facciali, medici di medicina generale, igienisti dentali, infermieri. In oltre 500 per confrontarsi, apprendere, aggiornarsi su vari temi, anche se uno in particolare ha attratto di più l’attenzione: “L’utilizzo delle tecnologie innovative per migliorare le nostre cure”. Francesco Riva, Direttore Unità Operativa Complessa Chirurgia Odontostomatologica - Policlinico Umberto I Eastman Roma e la catanese Maria Grazia Cannarozzo presidente nazionale COI AIOG che rappresenta tutti i cenacoli italiani - hanno fatto gli onori di casa insieme a Sandro Rengo dell’Università Federico II di Napoli ma originario di Fiuggi e a Mauro Giacomi, medico di medicina generale e odontoiatra proprio nel rinomato centro termale della Ciociaria.
Tumori del cavo orale, osteoporosi, discolorazioni tutte patologie accomunate da nemici comuni: il fumo di sigaretta e l’alcool. Rengo è chiaro: “I nuovi device elettronici come e-cig e tabacco riscaldato sembrano ridurre significativamente i danni del cavo orale, quindi per chi non riesce proprio a smettere queste soluzioni non sono da demonizzare”. Uno studio multicentrico che ha visto impegnati i ricercatori e i clinici dell’Istituto per salute orale e dei denti dell’università di Rochester (USA) ha nettamente dimostrato che “il fumo di sigaretta convenzionale causa una notevole decolorazione dei denti e che ridurre o eliminare i depositi derivanti dalla combustione del tabacco sembra ridurre al minimo l’impatto dei prodotti del tabacco sullo scolorimento dei denti”. Un aspetto misurato su due gruppi di volontari fumatori per tre settimane, 20 tradizionali e 20 fumatori di device che eliminano la tradizionale combustione del tabacco.
"Non smetteremo mai di dire che la prevenzione è alla base di tutto – spiega Francesco Riva – ed è quindi necessario per tutti adottare un corretto stile di vita. Come medici la nostra missione è abolire il fumo, ma vediamo anche che non tutte le persone sono in grado di farlo, e quindi accompagnarle verso sistemi meno dannosi è sicuramente un fatto positivo. Stiamo monitorando questi nuovi sistemi che contengono nicotina ma agiscano in assenza di combustione e crediamo che rappresentino una buona strada per risolvere il problema in futuro. Le colleghe fumatrici che hanno provato questi strumenti - conclude - dicono di avere una salivazione maggiore, mentre prima con le sigarette tradizionali la salivazione diminuiva. Siccome la saliva è come il lubrificante nella macchina sicuramente questo può diminuire quelle cheratosi che si formano per frizione".
E il Cenacolo con i suoi iscritti è impegnato a studiare e valutare questi device. Lavorare insieme per una 'salute intelligente' dove i rischi per le persone, inclusi quelli provocati dal fumo, possano essere ridotti. Tutto per un futuro che vada in una direzione di “danno modificato” per il benessere degli oltre 11 milioni di fumatori italiani: “Molte patologie del cavo orale possono interessare l’intera persona, l’intero organismo. Il fumo senza combustione, quindi, non solo sembra ridurre i danni del cavo orale ma anche, come detto, dell’intera persona.” Ha dichiarato Mauro Giacomi “La mia esperienza di anni in Palestina mi ha permesso di osservare come nei fumatori arabi vi sono meno patologie del cavo orale, compresi i tumori. Perché? Perché fumano il Narghilè. La famosa pipa d’acqua, un oggetto molto comune tra le popolazioni arabe. L’acqua, in breve, ‘raffredderebbe’ il fumo e sembrerebbe filtrare meglio le sostanze tossiche (monossido di carbonio e nicotina) contenute nel tabacco, riducendo nel fumatore gli effetti dannosi derivanti dalla dipendenza da nicotina (tabagismo) e con essi il rischio di malattie (cardiache e agenti cancerogeni in primis) cui normalmente è esposto chi fuma sigarette”.

articolo a cura di Flavio Vitali

 


TI POTREBBERO INTERESSARE

La Segreteria Nazionale SNAMI, Sindacato dei Medicina di Famiglia, in sinergia con la 4S-Società Scientifica SNAMI per la Salute, istituzione di ricerca dello SNAMI, con il sostegno della Contatto-Archimedica di Torino, leader nel campo formativo per la sanità, e con il supporto non condizionante della Menarini, ha organizzato in tutta Italia la campagna “Medico Amico” con informativa specifica sull'ipertensione arteriosa: 16 settembre Hypertension Day.
"Il lavoro del Presidente Zingaretti e della direttrice Mastrobuono, sta portando la sanità provinciale, dal baratro in cui era stata gettata dalle gestioni del passato, finalmente a livelli accettabili. La strada è ancora lunga e difficile, ma le premesse per una sanità all'altezza delle attese della nostra comunità ci sono tutte."
Sono ancora serie, purtroppo, le condizioni di salute del 23enne colleferrino che nella notte del primo dell’anno, mentre scendeva con la slitta da un rifugio a “Merano 2000”, sulle Dolomiti, ha perso il controllo del mezzo ed è andato a sbattere contro un albero. Il giovane, che risiede ad Anagni con la famiglia, è stato trasferito nei giorni scorsi dall’ospedale di Bolzano dove i medici lo avevano sottoposto ad un delicato intervento chirurgico alla testa a quello di Frosinone, dove attualmente si trova in stato di coma. Figlio di un medico dentista e di una caposala dell'ospedale di Anagni, il giovane aveva deciso di festeggiare con i suoi amici l’arrivo del nuovo anno nell’incantevole scenario delle Dolomiti. Intorno all’una e un quarto la tragedia. Subito dopo aver brindato al 2019 presso il rifugio Zuegg, a “Merano 2000”, il ventitreenne si era messo in sella ad una slitta perché voleva raggiungere la stazione sciistica a valle della cabinovia Falzeben.
Per la prima volta nella storia della Medicina mondiale un nuovo cuore artificiale "magnetico" è stato impiantato in una giovanissima ragazza di Ferentino. Il prof. Antonio Amodeo, responsabile ECMO e assistenza meccanica cardiorespiratoria, ne spiega il funzionamento.
“AmbFest” nei Distretti di Frosinone, Cassino e Sora. “Ambud” come Presidi Ambulatoriali Distrettuali h24 ad Anagni e Pontecorvo. Sono le nuove iniziative (nuovi modelli organizzativi) messe in campo dalla Asl e che già nei prossimi giorni saranno attivate nei confronti dell’utenza sanitaria del territorio.