Questo sito prevede l'utilizzo di cookie. Continuando a navigare si considera accettato il loro utilizzo. Ulteriori informazioni
OK

Anagni. Crolla l'ultimo piano dell'ex clinica "Madonna delle Grazie"; i residenti che abitano in zona si dicono "preoccupati": "se non si interviene, presto la struttura crollerà sotto al suo peso"

8 marzo 2018

Un tonfo nella notte, attorno alle due: a provocarlo è stato il crollo dell'ultimo piano della ex clinica "Madonna delle Grazie", sita nella via omonima, poco fuori il centro cittadino, un tempo fiore all'occhiello della sanità ciociara, oggi abbandonata a se stessa e poco più di un rudere. A provocare la caduta, molto probabilmente, sono state le infiltrazioni d'acqua provocate dalle incessanti piogge di questi giorni. Il tonfo è stato avvertito dalle tante persone che abitano nella zona attorno alle due di notte. Sono gli stessi residenti ora a temere che, se non si interviene per tempo, la struttura cederà presto sotto al suo peso provocando danni ben più gravi.

grazie ad Arianna Giammaria per la foto


TI POTREBBERO INTERESSARE

Una riunione per fare il punto della situazione ed organizzare le iniziative a difesa della sanità ciociara al rientro dalle vacanze. A partire, ma non solo, dalla situazione dell’ospedale di Anagni. È quella che si è tenuta ieri sera a Frosinone tra gli esponenti del Coordinamento provinciale della sanità.
CGIL, UIL e Sas CISL sul piede di guerra all'ospedale di Anagni, un tempo istituto di cura riconosciuto e di prestigio, oggi sempre più abbandonato al suo triste destino. A scatenare le ire delle RSU e delle organizzazioni sindacali, la lettera inviata dai direttori sanitari dei poli ospedalieri della provincia al nuovo commissario della Sanità in Ciociaria Luigi Macchitella e da quest'ultimo girata a tutti i sindacalisti, sia della dirigenza medica che del comparto, al fine di conoscerne il parere.
Migliorano le condizioni di salute della bambina che nella scorsa settimana è stata ricoverata all'ospedale "Bambino Gesù" di Roma con i sintomi propri della pericolosissima meningite batterica; stando a quanto riferiscono fonti della ASL di Frosinone, la situazione clinica della piccola sarebbero stabili, al termine del periodo di incubazione del batterio che è di otto giorni. E' terminato, inoltre, il ciclo di cure antibiotiche cui sono stati sottoposti i compagni di classe della bambina e i suoi insegnanti, con il farmaco Rifadin in pasticche assunte in tre volte a distanza di dodici ore l'una dall'altra. Intanto, questa mattina, gli uffici del centro vaccinazioni della ASL siti nei pressi dell'ospedale in via di Santa Maria Maggiore sono stati letteralmente presi d'assalto dai genitori preoccupati che intendevano far vaccinare i propri bambini o che, più semplicemente, volevano chiedere informazioni al riguardo.
Questa mattina giovedì 27 novembre il Sindaco di Paliano, Domenico Alfieri, ha partecipato alla manifestazione scaturita dalla riunione del 18 novembre scorso tra i Sindaci della Valle del Sacco per dire NO al trasferimento a Palestrina dei reparti di ostetricia e ginecologia, pediatria e neonatologia dell'ospedale Parodi Delfino di Colleferro. Con Alfieri c’era anche il Consigliere Comunale delegato alla sanità pubblica e alla tutela salute del cittadino nonché operatore sanitario dell’ospedale di Colleferro, Maria Grazia D’Aquino.
Sulla nomina del dottor Natalia a Coordinatore della sanità anagnina, registriamo la dichiarazione di Francesdco Sordo, segretario cittadino del Pd: “ esprimo il mio compiacimento per la nomina di Natalia da parte del dottor Macchitella. Da tempo stavamo aspettando un coordinatore, per ridare ad Anagni un interlocutore sulle esigenze della zona, e per fare in modo che, dopo quanto stabilito dall’atto aziendale, si blocchi la spoliazione sotto banco che si sta verificando da tempo all’ospedale di Anagni.