Questo sito prevede l'utilizzo di cookie. Continuando a navigare si considera accettato il loro utilizzo. Ulteriori informazioni
OK

Interruzione dei contratti di noleggio dei mezzi della società Lazio Ambiente spa che effettuano servizio di igiene urbana, il sindaco di Colleferro scrive ai prefetti: "gravissima situazione di crisi sanitaria"

13 luglio 2017

Il sindaco di Colleferro Pierluigi Sanna ha scritto alla prefetta di Roma dott.ssa Paola Basilone e a quella di Frosinone dott.ssa Emilia Zarrilli per denunciare la gravissima situazione ambientale venutasi a creare in seguito all'interruzione dei contratti di noleggio dei mezzi della società Lazio Ambiente spa che effettuano servizio di igiene urbana nei Comuni di Colleferro, Acuto, Artena, Capranica Prenestina, Carpineto Romano, Frascati, Fiuggi, Gavignano, Genazzano, Gorga, Labico, Montelanico, Nemi, Olevano Romano, San Vito Romano, Segni, Subiaco e Trevi nel Lazio. "Considerata la gravissima situazione di crisi sanitaria e di possibile immediato danno per la salute dei cittadini che si andrebbe a creare con la sospensione del servizio di igiene urbana anche in considerazione delle elevatissime temperature in atto - si legge nella missiva - considerate le rivendicazioni delle società di noleggio che sembrerebbero richiedere quanto loro spettante; rilevato come l'emergenza sia sicuramente sovracomunale e vada ad interessare la città metropolitana di Roma e la provincia di Frosinone e che appare assolutamente opportuno e necessario un intervento immediato delle SS.VV. per la gestione dell'emergenza a livello comprensoriale e per evitare l'attivazione dell'art. 50 comma 6 del TUEL con soluzioni complesse da affrontare da parte di ogni singolo ente con gravi conseguenze dal punto di vista ambientale in zone che già vantano tristissimi primati in materia; considerati anche i possibili rilevanti problemi di ordine pubblico che potrebbero crearsi, si chiede l'immediato intervento delle SS.VV. per impedire l'interruzione di pubblico servizio tutte le società coinvolte nonché ad adottare tutti i provvedimenti necessari a salvaguardare la salute pubblica e l'ordine pubblico.


TI POTREBBERO INTERESSARE

Si terrà oggi pomeriggio, alle 18 nella Sala della ragione del Comune di Anagni una riunione dei sindaci che faranno parte del nascente Coordinamento per l'ambiente.
Un gruppo affollato di sindaci ed amministratori comunali si è dato appuntamento ieri pomeriggio alle 18.30 nella Sala della Ragione del comune di Anagni per creare il Coordinamento per la difesa dell’ambiente. Oltre al sindaco di Anagni Fausto Bassetta ed a quello di Paliano Domenico Alfieri, c’erano amministratori provenienti da Sgurgola, Acuto, Ferentino, Serrone, Piglio, Olevano Romano, Segni, Montelanico, Gorga, Carpineto Romano, Valmontone, Gavignano, Artena e Genazzano.
La Sala della Ragione del Comune di Anagni ospiterà, venerdì prossimo a partire dalle 16, una nuova riunione del Coordinamento dei sindaci della Valle del Sacco per l’ambiente. L’organismo, formato da 17 Comuni delle province di Frosinone e Roma (Acuto, Anagni, Artena, Carpineto Romano, Ceprano, Ferentino, Gavignano, Genazzano, Gorga, Montelanico, Olevano Romano, Paliano, Piglio, Segni, Serrone, Sgurgola e Valmontone), in questa occasione presenterà la propria politica ambientale alle aziende del territorio.
Di seguito pubblichiamo la nota giunta in redazione ed inviata dai sindaci di Colleferro, Carpineto, Genazzano, Segni, Gorga, Gavignano, San Vito Romano:
I Sindaci di Colleferro, Anagni, Artena, Carpineto Romano, Gavignano, Gorga, Montelanico, Piglio, Paliano, Segni, Serrone, Valmontone esprimono la propria soddisfazione per l’esito dell’appello al Consiglio di Stato